+39 351 618 5720 info@centrokoena.it

Dipendenza Patologica da sostanze

Centro Koena Piacenza

La “dipendenza patologica” viene definita dall’OMS come “condizione psichica, talvolta anche fisica, derivante dall’interazione tra un organismo e una sostanza, caratterizzata da risposte comportamentali e da altre reazioni  che comprendono un bisogno compulsivo di assumere la sostanza in modo continuativo o periodico, allo scopo di provare i suoi effetti psichici e talvolta di evitare il malessere della sua privazione”.

Il trattamento della dipendenza da sostanze al Centro Koena

 

Quando si parla di dipendenza da sostanze ci si riferisce ad un comportamento ripetitivo, fine a sé stesso, fisso ed immutabile; è difficilissimo riuscire a separarsene poiché la sensazione è quella di privarsi di una parte di sé.
La sensazione provata è spesso quella di sentirsi “intrappolati, persi, senza possibilità di uscirne”.

Chi sperimenta una dipendenza è intrappolato in un circuito ripetitivo: “Ho bisogno della sostanza per provare sollievo”, ma questo sollievo è momentaneo, un tentativo di stare meglio del tutto inefficace.
Data la sua complessità e le molte cause che possono esserne alla base, il trattamento della dipendenza comprende spesso la sinergia di altre figure professionali (tra cui a volte medici e avvocati).

In generale, al Centro Koena, la psicoterapia individuale ha come obiettivo la cura di sé, dei propri aspetti emotivi, parallelamente si lavora sul sintomo, sui fattori di rischio e sui fattori comportamentali che aiutano ad inibire la ripetizione del comportamento disfunzionale. Identificando il disagio è possibile lavorare sulla capacità di gestione degli impulsi e condurre finalmente una vita libera e consapevole.

Approfondimento sulla Dipendenza da Sostanze

Comportamenti tipici della dipendenza da sostanze

Le persone che sperimentano dipendenze patologiche hanno un insieme di comportamenti tipici: 

1)  Hanno una ridotta capacità di controllo sull’uso della sostanza:

  • la assumono per periodi di tempo più lunghi del previsto;
  • provano il desiderio di smettere o ridurne l’uso, ma si fallisce nel farlo;
  • spendono molto tempo nel cercare di reperire la sostanza, nel farne uso o nel riprendersi dai suoi effetti;
  • provano un intenso desiderio della sostanza che può manifestarsi in qualunque momento, specialmente in presenza di stimoli associati alla stessa. 

2) Subiscono una compromissione del funzionamento sociale:

  • sono spesso incapaci di portare a termini i compiti a casa, a scuola o sul lavoro;
  • usano con continuatività la sostanza nonostante i conseguenti disagi sociali o interpersonali;
  • arrivano a ridurre o interrompere le attività sociali o ricreative;
  • si ritirano dalla vita familiare o sociale per fare uso della sostanza. 

3) Utilizzano in modo rischioso della sostanza:

  • la usano in situazioni fisicamente rischiose (esempio: alla guida);
  • non riescono a interrompere l’abitudine nonostante ne ricavino gravi problemi fisici o psicologici. 

4) Subiscono alcune conseguenze dal punto di vista farmacologico:

  • tolleranza: la stessa quantità di sostanza non produce più gli effetti desiderati, che possono essere raggiunti solamente con aumento della dose.
  • astinenza: si presenta quando diminuisce la quantità di sostanza presente nel sangue o nei tessuti di una persona che ne ha fatto un forte uso. I sintomi variano a seconda del tipo di sostanza e sono particolarmente intensi e comuni per alcool, oppioidi, sedativi, ipnotici e ansiolitici, possono essere meno intensi per tabacco e cannabis e non sempre si verificano con allucinogeni e inalanti. 

In generale, un disturbo indotto da sostanze include sintomi di astinenza e intossicazione. Tra i sintomi più frequenti rientrano insonnia, alterazioni della percezione, dell’attenzione, del pensiero, delle capacità di giudizio, dell’attività psicomotoria e del comportamento interpersonale. L’unica sostanza che non induce intossicazione è il tabacco.

Per quali sostanze si può sviluppare dipendenza?

I disturbi correlati a sostanze fanno riferimento a 10 classi di sostanze differenti:

  • alcool;
  • caffeina;
  • tabacco;
  • cannabis;
  • allucinogeni;
  • feniciclidina e sostanze simili;
  • inalanti;
  • oppiacei;
  • sedativi, ipnotici e ansiolitici;

L’assunzione di droga porta ad un’intensa attivazione del sistema cerebrale della ricompensa, che genera sensazioni piacevoli di benessere e soddisfazione (questo sistema si attiva normalmente in risposta a stimoli naturali). L’uso prolungato della sostanza porta tuttavia tale sistema ad attivarsi solo in risposta ad essa e non ad altri stimoli, portando l’individuo a trascurare tutte quelle attività quotidiane che erano e potrebbero essere a loro volta fonte di piacere.

Cause della dipendenza da sostanze

Le dipendenze non possono essere riconducibili ad un’unica causa, ma è legata presumibilmente all’interazione sfavorevole di tre fattori di rischio: 

  • neurobiologici (riconducibili a caratteristiche genetiche, ad anomalie della disponibilità di alcuni importanti neurotrasmettitori – dopamina, serotonina, noradrenalina – che regolano il tono dell’umore):
  • individuali (correlati alle esperienze di vita e a caratteristiche specifiche di personalità – alti indici di ansia, di sensations/novelty seeking (ricerca di sensazioni forti), di impulsività, propensione al rischio, bassa autostima, ruminazione, rimuginio e pensiero desiderante, scarse capacità metacognitive);
  • socio-ambientali (relativi alle caratteristiche del contesto familiare, socio culturale ed economico della comunità in cui si vive, alle abitudini del gruppo di appartenenza, alla presenza o meno di reti di sostegno sociale, ai livelli di tolleranza sociale e di non contrasto dei comportamenti di dipendenza, all’esistenza di regole e di leggi di controllo e di deterrenza, alle caratteristiche delle sostanze e alla loro disponibilità e accessibilità).
Terapie utilizzate

Il trattamento clinico delle dipendenze che proponiamo al Centro Koena si basa su terapie evidence based di matrice cognitivo comportamentale, oltre alla Terapia Cognitivo Comportamentale (CBT) utilizziamo la Terapia Dialettico Comportamentale (DBT) (Linehan 1991) ri-adattata per il trattamento delle dipendenze patologiche, la Terapia basata sulla Mindfulness applicata anche alle dipendenze patologiche e il Modello Trifasico (Caselli & Sapda) delle dipendenze patologiche che fa riferimento alla cornice teorica della Terapia Metacognitiva (Wells).

Cosa troverai in Koena

Prima consulenza gratuita

Non sempre le persone che vengono da noi hanno già un’idea chiara del percorso migliore per loro e a quale professionista rivolgersi. Per questo motivo offriamo un colloquio gratuito “di orientamento” con un esperto.
In questa occasione raccoglieremo le prime informazioni necessarie per dare indicazioni sul percorso terapeutico più idoneo e sul professionista più adatto a cui rivolgersi.

Prenota il colloquio gratuito chiamando il numero 351 618 5720 o inviando una mail a info@centrokoena.it

Se invece, hai già un’idea del terapeuta che desideri incontrare, puoi richiedere un appuntamento tramite la segreteria (cell. 351 618 5720 / mail. info@centrokoena.it) o rivolgerti direttamente al professionista tramite il form di contatto che trovi sul sito.

 

Tariffe sostenibili

  • colloquio di orientamento: gratuito

  • psicoterapia individuale: €60*

*tariffa minima di 35 per redditi fino a 10mila 

  • terapia di coppia: €110** (colloquio di 90 minuti con frequenza quindicinale)

**tariffa minima di €85 per valore isee fino a 10mila 

 

  • terapia di gruppo dei DEC: €30

  • altre prestazioni: secondo accordi diretti con il terapeuta

I nostri professionisti

Francesca Delli Santi

Francesca Delli Santi

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono una psicologa clinica e psicoterapeuta specializzata presso la Scuola di Psicoterapia Integrata di Bergamo. Utilizzo le tecniche proprie della sensorymotor, EMDR, mindfulness, DBT, ABFT in un’ottica integrata, come la mia formazione.

Mi occupo di psicoterapia individuale e percorsi di sostegno psicologico a favore di adulti,  interventi di formazione/orientamento nelle scuole e aziende, di formazione e docenza verso enti pubblici e privati.

Al Centro Koena sono referente per l’area delle Dipendenze Patologiche da sostanza e per le New Addiction.

Martina Passera

Martina Passera

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa clinica e psicoterapeuta ad indirizzo integrato in formazione.
Utilizzo in sinergia orientamenti diversi al fine di ottenere una maggiore efficacia ed efficienza nel trattamento.
Mi occupo di percorsi psicologici individuali rivolti sia a minori che ad adulti e di sostegno alla genitorialità per valorizzare le potenzialità in coppia e come singoli.

Il tuo ben-essere inizia qui

Accoglienza, flessibilità, professionalità.
Compila il form, oppure chiamaci al +39 351 618 5720

13 + 10 =

Un ben-essere condiviso è possibile

Riceviamo su appuntamento tutti i giorni

CONTATTI
--------------------------

Corso Matteotti, 11
29015 Castel San Giovanni (PC)

+39 351 618 5720

info@centrokoena.it

ORARI
--------------------------

Da lunedì al venerdì
dalle 08:00 alle 20:00
Sabato 08:00 alle 13:00

Privacy Policy - Cookie Policy